Menu

Stella Maris a Camogli, la notte dei lumini

Stella Maris a Camogli, la notte dei lumini

Questo spettacolo si ripete ogni anno, in onore di Stella Maris, la Madonna protettrice di coloro che solcano il mare.

È la Festa di Stella Maris di Camogli, l’omaggio alla Madonna che ha luogo nel borgo e nella vicina Punta Chiappa ogni prima domenica d’agosto – quest’anno cade il giorno 6 – sin dal 1924.

All’epoca don Nicolò Lavarello, rettore della chiesa di San Nicolò di Capodimonte, pensò di restaurare la statua della madonna, la quale si trovava da tempo in un’edicola sulla Punta. Così venne organizzata una processione di barche che, partendo dal porticciolo di Camogli, accompagnò la statua della Madonna Stella del Mare sulla Punta. E da quel giorno la processione si svolge ancora oggi.

Ma l’origine della venerazione di Stella Maris è probabilmente molto più antica: occorre risalire al XV secolo, quando i pescatori del borgo hanno iniziato a pregare la Madonna, affinché le loro uscite in mare fossero sicure e ricche di pescato.

stella-maris-camogli-01

A Stella Maris inoltre è dedicato un altare, situato sul promontorio di Punta Chiappa e anche un quadro, il quale si trova all’interno della chiesa di Camogli.

Da quando la festa è diventata ufficiale sempre più devoti vi hanno preso parte, arrivando anche dai borghi limitrofi, a bordo della loro imbarcazione.

Ancora oggi è così: Stella Maris è una festa molto sentita e partecipata, è nel cuore della gente di mare e il suo fascino attrae tantissimi visitatori.

Sebbene la posa dei lumini in acqua sia la parte più scenografica e forse l’immagine più ricorrente della festa, l’intera giornata della domenica viene dedicata a Stella Maris. A partire dalle 10, da Camogli, si sviluppa una vera e propria processione di barche, di ogni tipo e dimensione, tutte addobbate per l’occasione. Per chi non la possiede la compagnia di navigazione Battellieri Golfo Paradiso mette a disposizione i propri mezzi. Tutti si dirigono verso Punta Chiappa, seguendo U Dragün, la storica imbarcazione che ha reso Camogli famoso in tutto il mondo grazie alla partecipazione a numerose traversate. Si chiama così in onore del Castello della Dragonara, una fortificazione eretta a protezione della città. È stato creato nel 1968 dalle mani del maestro d’ascia Ido Battistoni, ha dato vita a questo meraviglioso vascello da una vecchia scialuppa. Ne è nata un’imbarcazione di undici metri, a due vele e dodici remi. U Dragün è uno Sciabecco, un’antica nave pirata. Dal 1969 è protagonista durante la festa di Stella Maris, infatti a bordo del Dragün c’è il parroco, il quale celebrerà la messa, all’aperto, prevista per le ore 11.

Alla sera l’appuntamento è per le 20,30, alle spiagge del Rio Gentile e del Rivo Giorgio, per lasciare andare sull’acqua il proprio lumino.

stella-maris

PhotoCredit : Marco Verdina

Condividi sui Social